Solo i comuni e gli organi di polizia possono posizionare telecamere rivolte verso piazze, giardini e strade. Ma le risposte alle domande frequenti in materia di videosorveglianza diramate dal Garante non affrontano i nodi più complessi degli impianti pubblici a vocazione interforze. Come per esempio i tempi di conservazione necessariamente allungati per finalità di sicurezza pubblica e le diverse è più limitate regole per la trasparenza dei trattamenti. In ogni caso per gli impianti più performanti serve sempre una valutazione preventiva di impatto privacy. Un documento eclettico di difficile realizzazione. Lo hanno evidenziato le Faq diramate dal Garante per la protezione dei dati personali il 3 dicembre 2020. La videosorveglianza comunale è un tema in fortissima espansione ed è una prerogativa necessariamente gestita dai comuni che ai sensi dell’art. 6 del dl 11/2009 possono utilizzare questi impianti per la tutela della sicurezza urbana riprendendo le strade e le piazze ma conservando le immagini per un tempo massimo di 7 giorni. La riforma sovranazionale sulla tutela dei dati personali entrata in vigore definitivamente nel 2018 ha rinnovato tutte le regole stabilendo in buona sostanza che in materia di tutela del trattamento dei dati personali spetta al titolare del trattamento assumersi ogni responsabilità ed essere in grado di rendicontare le proprie scelte. Salvo norme nazionali più restrittive che impongono limiti temporali di conservazione dei dati per esempio ai sindaci ma non ai centri commerciali o ai privati in genere. Che se dimostrano di aver progettato un impianto in maniera corretta possono conservare le immagini anche per un tempo maggiore ad una settimana. Ma gli impianti di videosorveglianza pubblica servono anche ad una finalità di sicurezza in senso stretto. Dopo la firma di appositi patti per la sicurezza infatti i sindaci possono mettere a disposizione anche di polizia di stato e carabinieri gli impianti di telecontrollo che in particolare se sono muniti di moderni lettori di targhe con riconoscimento dei veicoli sospetti non assolvono certo adeguatamente i loro compiti in maniera efficace conservando le immagini dei potenziali criminali solo per una settimana. Ecco allora che viene in soccorso delle amministrazioni comunali la poco conosciuta direttiva Ue 2016/680 che è stata attuata in Italia con il dlgs 51/2018. Questo provvedimento, specificamente dedicato alla tutela dei dati personali per i soggetti che svolgono indagini, compresa la polizia locale, deroga abbondantemente ad alcuni principi fondamentali del regolamento europeo sulla protezione dei dati. Oltre ad una necessaria conservazione allungata dei dati raccolti, infatti, risultano decisamente affievoliti anche i diritti degli interessati che per esempio non potranno certo proporre l’opposizione al trattamento prevista ordinariamente dall’art. 21 del Gdpr. Senza un regolamento comunale che dia spazio alla direttiva Ue 2016/680 il rischio per i comuni è di non riuscire a gestire le richieste di esercizio dei diritti dell’interessato ai sensi degli artt. 12 e seguenti del Gdpr. Attenzione poi alla necessaria valutazione preventiva di impatto privacy. Un altro istituto poco conosciuto regolato sia dal Gdpr che dal dlgs 51/2018. Ogni moderno impianto di videosorveglianza urbana deve essere analizzato da un tecnico e un legale in modo da verificare preventivamente, dal punto di vista del cittadino, quali sono i rischi che emergono. Ovvero se il rischio che quelle immagini finiscano nel posto sbagliato è accettabile o meno. Senza questo certificato ogni impianto di videosorveglianza è potenzialmente a rischio sanzione. Nelle risposte dell’Autorità ulteriori indicazioni utili alla corretta gestione deli impianti di videosorveglianza pubblici sono riscontrabili nelle considerazioni sulle scuole e sulle installazioni dei sistemi di ripresa nei luoghi di lavoro. Negli istituti scolastici in attesa della riforma che dovrebbe regolare meglio l’uso della videosorveglianza le indicazioni del Garante restano quelle già in uso da anni. Ovvero telecamere spente durante le lezioni e massima tutela per gli alunni. Per gli ambienti lavorativi è ormai ampiamente riconosciuta la necessità di coinvolgere i sindacati e l’ispettorato del lavoro prima di attivare impianti di telecontrollo. Via libera infine alle telecamere false posizionate solo a titolo di deterrenza e alle riprese con i droni ad una altezza tale da non permettere il riconoscimento delle persone.

L’informativa agli interessati in materia di videosorveglianza urbana

 Accesso (art. 15 Gdpr) l’accesso ai suoi dati è regolato anche dagli artt. 11 e 14 del dlgs 51/2018    Oblio (art. 17 Gdpr) la cancellaz. è regolata anche dagli artt. 12 e 14 dlgs 51/2018    Portabilità (art. 20 Gdpr) possibilità di ricevere in un formato strutturato i dati che la riguardano  
 Rettifica (art. 16 Gdpr) la rettifica dei dati personali è regolata anche dagli artt. 12 e 14 dlgs 51/2018    Limitazione (art. 18 Gdpr) la limitazione è regolata anche dagli art. 12 e 14 dlgs 51/2018  Opposizione (art. 21 Gdpr) opposizioneal trattamento (non prevista ai sensi del dlgs 51/2018)

articolo di Stefano Manzelli pubblicato su ItaliaOggi il 21/12/2020 riproduzione riservata